Dove c'è Acqua c'è  SestoContinente!!!!


"Questa non è una festa, è un paese!" Con queste parole un bambino della scuola dell'infanzia di Cadelbosco ha commentato due anni fa l'evento, che si è presentato quest'anno alla quarta edizione.

Una mattinata di festa che ha visto i 400 ragazzi della Scuola Primaria e gli oltre 200 bambini delle scuole dell'infanzia, insieme ai loro familiari, invadere pacificamente le vie del centro del paese.

Con l'effetto straordinario di riportare nei luoghi pubblici, per un giorno chiuso al traffico, la gioia e la calma dell'incontro tra le persone in un clima sereno, allegro, mai banale.

La Scuola Primaria e le Scuole dell'Infanzia hanno lavorato insieme in questi mesi, integrando diverse realtà significative presenti sul territorio comunale.

Così, con l'aiuto di infaticabili genitori volontari e l'aperta disponibilità dell'amministrazione Comunale, ha superato i propri cancelli per occupare piazze, strade, cortili, fino alla ala del Consiglio Comunale.

Ogni anno i laboratori, le iniziative teatrali, i giochi nel Campo Sportivo, le letture in Biblioteca, i filmati e le documentazioni dei progetti scolastici creano un clima di festa "attiva", dove si impara divertendosi e ci si diverte imparando, seguendo il filo di una tematica di fondo.

Quest'anno, a conclusione dell'anno dedicato al risparmio idrico, ecco la tematica "Dell'acqua".


E dove c'è "acqua" si sa, c'è la SestoContinente che, con un filmato intitolato "Spiegami il mare" ed un'aula proiezioni dedicata, ha voluto essere presente a questo evento cercando di avvicinare e sensibilizzare grandi e piccini al favoloso Mondo Sommerso.

Le parole della Dirigente Scolastica, Dott. Paola Campo e del Sindaco Tania Tellini, hanno riconosciuto ogni anno la buona riuscita di una esperienza sicuramente da replicare e sempre da migliorare: "Quella di Cadelbosco è una realtà complessa e in continuo mutamento; c'è bisogno di imparare, anche attraverso una semplice festa, a diventare sempre più un paese, dove non solo si abita, ma si vive e si condivide. In questo contesto la scuola cerca di fare la propria parte."